Oggi ti parlo di targeting (e di come poter crescere sui social!)

Alzi la mano chi non ricorda le feste delle medie: quelle di cui in genere, con l’arrivo della crescita, si fanno sparire tutte le foto e i ricordi, che spesso ci ritraggono decisamente più bruttarelli e grassocci di quanto non siamo adesso. Nonostante gli scherzi della preadolescenza, ognuno di noi ricorda quel periodo come quello dei primi esperimenti con la socialità, in cui ognuno, chi più, chi meno, sperimentava le prime relazioni sociali, i primi metodi di intrattenimento e coinvolgimento degli altri e provava sulla propria pelle i primi flop e i primi successi.

C’era, inoltre, una sorta di classificazione delle varie feste a seconda di chi fosse il festeggiato di turno: c’erano feste di “serie A”, organizzate in grande, per festeggiare la più bella della classe, figlia della famiglia “bene” conosciuta in tutto il quartiere in cui tutto, dalla torta, ai palloncini ai bicchieri per i succhi e le bibite era scelto con cura e classe, alle feste degli individui meno “popolari”, decisamente meno belli e ammirati della reginetta dei quartieri alti, in cui tutto assumeva un’aura più scalcinata e sottotono, dalla torta surgelata, ai festoni riciclati dall’anno precedente, passando per i bicchieri di plastica di un bianco pallido e anonimo.

Niente a che vedere con lo “sfarzo”, seppur a buon mercato, del primo caso, in cui oltre al budget messo in campo per l’organizzazione della festa saltava agli occhi un altro dettaglio: il numero di invitati presenti, che era sempre superiore a quello delle feste dei “meno fortunati”.

Feste, queste ultime, di cui il giorno dopo quasi nessuno parlava e che cadevano rapidamente nel dimenticatoio, a differenza di quelle più mondane, che erano vissute come un vero e proprio evento al quale era un privilegio partecipare.

Perché questo esempio?

E soprattutto, perché una web agency dovrebbe parlarvi o peggio ancora farvi ricordare i tempi delle feste delle medie?

Perché anche nel mondo del web, e più strettamente dei social, sono i vostri followers a parlare per voi: siete e sarete visti, in poche parole, per ciò che riuscirete a comunicare e per come riuscirete a farlo.

Il vostro profilo social è la location della vostra festa e i vostri followers i vostri invitati: intrattenerli e fare in modo che parlino di voi ai loro amici una volta che la festa è finita è un vostro compito, e non è così facile come sembra.

Trovare nuovo pubblico per la nostra pagina, cominciando a fare targeting

targeting e crescita sui social

Molti nuovi clienti che ci contattano per la prima volta ci rivolgono sempre più spesso lo stesso quesito: <<ho già un profilo social della mia azienda, ma non ho un pubblico che mi segue. Come mai?>>

Cominciamo col mettere i puntini sulle i: oggi per risultare visibili sui social è indispensabile investire. Tuttavia non è sufficiente: è bene strutturare le campagne di targeting basandosi su parametri specifici e mirati, se si vuole “fare colpo” sul pubblico giusto. Pubblico che una volta che avrà deciso di seguirci, dovremmo essere in grado di mantenere pubblicando contenuti interessanti, come parlavamo recentemente in questo articolo.

Ma come fare ad intercettare in modo intelligente il nostro target ideale? Come poter conoscere i loro gusti e poter porci in modo interessante per i nostri potenziali clienti?

Un sistema molto utile ce lo offre proprio Facebook, che al di là delle tante opzioni di personalizzazione del target (che possiamo definire sulla base della fascia d’età, degli interessi, della geolocalizzazione etc) ci offre una soluzione molto utile e che può spesso regalarci uno dei pubblici più performanti di sempre: la funzione Lookalike.

Che cos’è una Lookalike Audience?

targeting e crescita sui social - lookalike audience

Con il termine Lookalike audience (o “pubblico simile”, per usare la nostra lingua fin troppo bistrattata quando si parla di tecnologia e marketing) si intende definire un pubblico potenziale che nonostante non sia ancora entrato in contatto con i prodotti e i servizi della nostra azienda su Facebook, presenta caratteristiche simili a chi invece lo ha già fatto.

Possiamo creare una lookalike audience partendo dalla base dei nostri followers attivi, da un pubblico personalizzato (custom audience) definito attraverso una vasta gamma di parametri, o attraverso un pixel di tracciamento installato sul nostro sito web.

Ma perché dovrei affidarmi ad una Lookalike Audience?

Innanzitutto, come accennavamo prima, perché ti offre la possibilità di entrare in contatto con un pubblico strettamente affine al prodotto o servizio che la tua azienda offre.

Ma non solo: le opzioni di personalizzazione che la funzione lookalike ti offre sono tante, a cominciare dalla definizione del tuo target d’origine, definito in base a dati che possono essere tratti dai fan di una pagina, da un elenco di indirizzi mail, dai visitatori di un sito, etc. Sulla base dei dati di origine si determinerà la dimensione stimata del tuo pubblico di riferimento. Quest’ ultima va da 1 a 10, che rappresenta la percentuale della popolazione totale iscritta a Facebook del paese scelto per creare l’audience; minore è la percentuale, maggiore sarà il grado di similarità con il pubblico inserito come Origine, viceversa maggiore è la percentuale minore sarà il grado di similarità.

Lookalike: quando utilizzarla?

Nella nostra attività di gestione social media utilizziamo spesso la funzione lookalike, sia per l’acquisizione di nuovi contatti che per campagne rivolte all’acquisto o alle conversioni su sito web.

Tuttavia la funzione Lookalike può rivelarsi estremamente utile anche in altri frangenti: immagina ad esempio di voler cominciare a fare business in un altro paese: riuscire già in partenza ad intercettare clienti stranieri potenzialmente già interessati al tuo prodotto è un vantaggio non da poco!

Oggi riuscire a definire il proprio target di riferimento sul web è fondamentale per poter ottenere buoni (e a volte anche ottimi) risultati con un investimento proporzionato: aiutarti ad ampliare la tua rete di followers (e quindi di potenziali clienti) attraverso una gestione attenta e professionale del tuo sito web e dei tuoi canali social grazie ad un preciso sistema di gestione dei contenuti è il nostro lavoro.

Scopri come noi di Pane&Web possiamo aiutarti a rendere la tua azienda davvero presente sul web, e… goditi la festa!

 

 

Un pensiero riguardo “Oggi ti parlo di targeting (e di come poter crescere sui social!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest